MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI FOSSI e SCARPATE

 

Dopo i lavori di pulizia del ganfo Garbella a San Martino, dal 2015 l’amministrazione

comunale investirà 130mila euro ogni anno per la manutenzione straordinaria di fossi,

canali di scolo, caditoie e scarpate per prevenire i danni da allagamenti.

Pulizia%20ganfo%20Garbella%20-%20San%20Martino[1]

 

Sono iniziati lunedì 24 novembre e dureranno per una ventina di giorni (tempo

permettendo) i lavori di pulizia del ganfo Garbella, nella frazione desenzanese di San

Martino. L’intervento, su una lunghezza di due chilometri, si è reso necessario e urgente

in seguito agli allagamenti verificatisi nella notte tra il 10 e l’11 settembre scorso in più

zone di San Martino della Battaglia.

Non si tratta di un intervento isolato. L’amministrazione comunale ha già adottato a metà

ottobre il nuovo Piano triennale delle opere pubbliche 2015-2017 inserendo un apposito

finanziamento di 130mila euro su ogni anno, da destinare specificatamente alla

manutenzione straordinaria di fossi, canali di scolo, caditoie e scarpate del

territorio desenzanese. Tale cifra sarà investita, a partire dal 2015, per prevenire i disagi

da allagamenti che in certe parti della città la popolazione rischia di subire nei periodi più

critici dell’anno, in seguito all’aumento di piogge e temporali.

«Siamo convinti che la causa principale di tali esondazioni, nel caso specifico di San

Martino e non solo – informa il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Rodolfo

Bertoni –, sia proprio la mancata manutenzione del fosso che, a lungo trascurato, ha

creato diversi problemi. Con la pulizia accurata, la rimozione dei materiali depositati

all’interno del ganfo e della vegetazione infestante cresciuta nel tempo, il deflusso delle

acque meteoriche sarà facilitato e si ridurrà al minimo la possibilità di altri allagamenti».

Conclude Bertoni: «È evidente che da qualche anno il clima è cambiato, motivo per cui

questa amministrazione ha deciso di effettuare periodicamente una manutenzione

programmata e preventiva, evitando di fare solo interventi spot per riparare i danni causati dal maltempo.

 

Lo scorso anno l’amministrazione è intervenuta a Rivoltella con la pulizia del Rio Venga.

 

Purtroppo stiamo pagando le conseguenze derivanti dai cambiamenti climatici e da politiche di eccessiva cementificazione dell’ultimo ventennio.